Quanto sarebbe bello riuscire a pensare solo al presente, vivere senza i “sarò”!

posted 2 giorni fa @ 25 Lug 2014 with 5 note
xsarò xfuturo xpresente xpreoccupazioni xproblemi xmomento

Ancora non mi aspetto di avere un posto nella vita di alcune, m’importa solamente che loro ne abbiano uno nella mia. Credo sia una questione di sublime deferenza.

posted 1 settimana fa @ 17 Lug 2014 with 6 note
xsemprestato xaspettative xarricchimentopersonale xdisillusione? xdeferenza

- Conosci te stesso e comprendi ciò di cui sei realmente in cerca. Quindi rendi presente le tue necessità.
- No metarapporto: la natura del legame che vivi con un’altra persona deve rimanere indefinita e quanto meno istituzionalizzata possibile, non verbalizzarla neppure fra te e te. Lasciati guidare di giorno in giorno dalle tue emozioni, la miglior garanzia di sincerità.
- Amor proprio: non rimandare la tua felicità e la tua stabilità individuali, che amandoti puoi perseguire hic et nunc, all’incertissimo giorno in cui, nel migliore dei casi, dipenderanno dalla fortuna di un rapporto interpersonale.
- Adegua sempre la forma del rapporto alla sostanza del tuo sentimento, se non ti è permesso chiudi senza rimpianto il rapporto che lo suscita.
- Non farti irretire dai fantasmi del passato, il tuo unico stato mentale dev’essere il presente.

posted 1 settimana fa @ 15 Lug 2014 with 9 note
xamore xamore libero xgelosia xcoppia xstabilità xpresente xcarpe diem xhic et nunc

E tu scrivimi
scrivimi se ti viene la voglia
e raccontami quello che fai
se cammini nel mattino e ti addormenti di sera
e se dormi che dormi e che sogni che fai.

» Natale, Francesco De Gregori  
posted 3 settimane fa @ 05 Lug 2014 with 8 note
xde gregori xnatale xscrivimi xtenerezza xsogni xdolcezza

Non mi interessa affatto sapere come avviene l’educazione di un’adolescente a Samoa o come un Irochese chiama il proprio cugino, giuro, e non per questo mi piace l’antropologia. L’adoro perchè, avvicinandomi a culture lontane, mi permette di prendere le distanze da quella in cui sono immerso. È una disciplina che obbliga a guardare dall’alto la mentalità di ogni gruppo umano e insieme pretende da chi la studia un imponente sforzo per capirle tutte. Mi dà una grande serenità constatare quanto, nonostante le mille culture e gli infiniti contesti in cui si forma, l’uomo sia sempre lo stesso. Nessun’altra disciplina pone così al suo centro il rispetto per il diverso.

posted 3 settimane fa @ 04 Lug 2014 with 7 note
xantropologia xrelativismo xesami xtolleranza xserenità

La grande guerra giustamente, a mio parere, viene chiamata “guerra mondiale” e non già perchè l’ha fatta tutto il mondo, ma perchè noi tutti, in seguito ad essa, abbiamo perduto un mondo, il nostro mondo.

» Joseph Roth, La Cripta dei Cappuccini  
posted 4 settimane fa @ 28 Giu 2014 with 4 note
xjoseph roth xcripta dei cappuccini xmondo xmondo antico xhotoltouncheallacitazionesperochenessunoseneaccorga xguerra mondiale xgrande guerra xprima guerra mondiale

Ieri sera parlavamo di felicità, mi è stato chiesto dove vorrei arrivare nella vita e io ho faticato non poco a rispondere perchè non mi ero mai posto domande così astratte. Alla fine ho detto che mi piacerebbe realizzarmi, senza che questa mia realizzazione dipenda in alcun modo da altri che da me. Probabilmente così su due piedi mi sono espresso in maniera confusa, allora ho tentato di ribattere, a chi mi accusava di egoismo, peggiorando però la situazione. Ho specificato che il ruolo degli altri in tutto ciò non è affato marginale, che è proprio grazie alle persone di cui mi circondo se può avvenire una mia crescita come persona. E che no, non è vero che per questo motivo gli altri mi appaiono come dei mezzi, ma che, anzi, questa consapevolezza mi stimola a vedere in ciascuno una possibilità nuova e a cercare, forse esagerando, il confronto con la diversità, o anche solo a prenderla in considerazione. Eppure, nonostante i compagni di viaggio, solo io sono chiamato a percorrere dall’inizio alla fine il mio cammino, attardarmi ad aspettarne qualcuno con passo più lento, sia pure, ma senza mai perdere di vista il sentiero davanti e senza mai desistere dalla meta. Mi ha stupito osservare invece come i miei interlocutori ponessero sempre la loro felicità in qualcosa che esiste ed è destinato a rimanere al di fuori di loro.

posted 1 mese fa @ 27 Giu 2014 with 9 note
xrealizzazione personale xfelicità xmeta xcammino xindipendenza xautonomia xalienazione

La mia ala sinistra sta cedendo, la mia destra si ritira, la situazione è eccellente. Vado all’attacco.

» Ferdinand Foch, generale francese  
posted 1 mese fa @ 24 Giu 2014 with 3 note
xferdinand foch xattacco xvolontà xsi può fare xmarna xprima guerra mondiale

chevalierdebalibari:

In conclusione, le mie speranze mancano di una meta. A nulla serve convincersi di aver le carte in regola per scalare montagne se poi ci si scopre circondati da colline. Intorno a me vedo solo grottesche alture, sgraziati monticelli in cui non riesco a riconoscere quell’Everest che per anni ho sognato di scalare.

Nelle “Memorie di una ragazza perbene” di Simone de Beauvoir leggo: “Da quando ero nata, ogni sera mi ero addormentata un po’ più ricca della sera prima; mi elevavo a grado a grado; ma se in cima non avrei trovato nient’altro che un triste pianoro, senz’alcuna meta verso cui puntare, a che pro?”
M’imbarazza ritrovare espresso da una così grande autrice un pensiero tanto simile a quello che pubblicai io pochi mesi fa, soprattutto perchè l’intensità di quella condizione emotiva era amplificata dal fatto di ritenerla mia e di nessun’altro. Con una certa sorpresa, scopro ora di essere in buona compagnia.

reblogged 1 mese fa @ 16 Giu 2014 with 20 note via/source
xsimone de beauvoir xmemorie di una ragazza perbene xpensieri xmontagna xcitazioni xl'ha detto lei xfemminismo xmeta xideali xsogni

- Autosufficienza sola garanzia di gratuità nel sentimento
- Stabilità individuale propedeutica a stabilità di coppia (se l’altro tiranneggia è perchè credo che a me, schiavo, per qualche motivo convenga lasciarglielo fare)
- Amore necessario / amore di contingenza (coppia aperta Sartre-de Beauvoir?)
- Amore come sentimento / coppia chiusa come istituzione sociale
- Un boomerang: verbalizzare sentimenti, pretese e dimostrazioni d’affetto “dovute” (Hakagure)
- Esigenze di coppia da subordinare alla libertà individuale, non può sussistere relazione se la vita di coppia soffoca chi la compone (no abnegarsi, no accettare l’altrui abnegazione)
- Amore che libera / Amore che incatena (gelosia)
- Coppia di amati come rette parallele

Un giorno darò forma compiuta a questi pensieri che da mesi appunto sul tablet.

posted 1 mese fa @ 14 Giu 2014 with 7 note
xamore xamore libero xcoppia aperta xgelosia xcoppia xpossessività xinsicurezza

Tornando ad avere a che fare con una persona persa di vista tempo fa, il rischio è regredire. Mi ritrovo spontaneamente a recitare la parte del me stesso che quella persona ha conosciuto, ad apprezzarla per gli stessi motivi per cui l’apprezzavo, sebbene io solitamente oggi consideri altri criteri, e a vederla esattamente come la vedevo, anche se è cresciuta e ha cambiato fisionomia. In questi frangenti scopro angoli reconditi di me in cui le lancette del tempo paiono essersi fermate, zone franche in cui sistemi di riferimento antichi convivono e tenacemente resistono ai nuovi. In alcune occasioni mi sono lasciato cogliere dalla tentazione di attualizzare morbidamente questi anacronismi interiori, salvo poi scoprire di trovarmi nuovamente invischiato nel passato e registrare così fallimenti su larga scala, in altre di accentuare con troppa enfasi i cambiamenti portati dagli anni che ci hanno divisi, registrandone di peggiori.
A volte mi piacerebbe che il passato non fosse mai esistito, giusto per la curiosità di vedere cosa nascerebbe dal presente.

posted 1 mese fa @ 09 Giu 2014 with 10 note
xrevival xpassato xpresente xcambiare xanacronismi xadattarsi xsaper cambiare xresistenza

( Non significa dunque niente, per voi, essere la Festa di qualcuno?)

» Frammenti di un discorso amoroso, Roland Barthes  
posted 1 mese fa @ 04 Giu 2014 with 6 note
xframmenti di un discorso amoroso xroland barthes xfesta xamore xcitazioni
daipubconivetriappannati said:
Ti ringrazio per il "follow" e perché hai letto e gradito tanto di quel che ho deciso di condividere! È molto bello anche qui. Quanto alla Baez, forse non è bella, ma ha un carisma e un fascino tali da lasciare ammaliati. È un qualcosa che è sempre riuscito a sollevarla e a muoverla a un palmo da terra. È un qualcosa che ha ancora, nonostante l'età. In Val d'Aosta, anni fa, mi ha lasciata a bocca aperta. Grazie ancora! Buona giornata! j.

Caspita, vedere la Baez di persona! Dev’essere davvero una donna dalla classe infinita, una qualità che è più importante della stessa bellezza.
Quanto alla tua pagina, mi piace molto, trovo abbia un sapore di vita vissuta che la rende peculiare. Mi è venuto spontaneo fin da subito associarla alle atmosfere slave e austro-ungariche di un libro che letto da poco, “La cotogna di Istanbul” di Paolo Rumiz.

answered 1 mese fa @ 01 Giu 2014 with 1 nota

Ultimamente mi riesce impossibile non divagare. Sento l’esigenza di mettere il mio interlocutore al corrente di come io sia arrivato ad avere una certa percezione di me o del mondo e, quando per motivarla individuo una situazione a prima vista molto semplice, subito mi rendo conto che semplice non è affatto e che, anzi, per farla comprendere sarebbe necessario spiegare la disposizione d’animo con cui l’ho vissuta, che è stata a sua volta determinata da altre esperienze molto lontane che nulla hanno più a che fare con il discorso iniziale. E, se da una parte trovo soddisfacente scovare una causa razionale per il mio agire e stupirmi dell’ordine cui ho sempre adeguato la mia vita, dall’altra sono tentato di chiedermi che spazio di volta in volta abbia riservato alle emozioni del momento, che hanno il senso del loro esistere solo nella situazione peculiare e di cui, a ripensarci più tardi a mente lucida, non rimane che un confuso sospetto.

posted 1 mese fa @ 30 Maggio 2014 with 10 note
xcecità xpensieri xemozioni xdove siete? xragione xdivagare xcomunicazione xdeterminismo

Tarpare le ali al presente per problemi futuribili è quanto di più deleterio possa scaturire dalla mia indole calcolatrice.

posted 2 mesi fa @ 27 Maggio 2014 with 14 note
xcarpe diem xpresente xfuturo xcalcoli xvivere l'attimo